La FOLLIA italiana…

Possiamo definitivamente e con dovizia di contenuti dichiarare che questo Paese è diventato un manicomio a cielo aperto.

Dopo l’avvento della legge Bagaglia, la numero 180 del 13 maggio 1978 , negli anni sono stati chiusi tutti i manicomi ed ultimamente gli OPG (ospedali psichiatrici giudiziari), dove venivano rinchiuse persone con problemi psichiatrici, i cosiddetti MATTI.

Il matto o pazzo è per definizione una persona che ha comportamenti che vanno dal bizzarro allo sconcertante e all’assurdo, con una spiccata mancanza di adattamento nei confronti della società in cui vive.

E senza offesa per nessuno, credo che molti di questi soggetti stiano inondando la rete di notizie FOLLI, tanto insane che chiamarle bufale sarebbe un eufemismo. L’ultima è stata pubblicata ancora una volta dal sito attivoTV, presentata col solito titolo acchiappa clic ed è un video pubblicato sul canale youtube di igienistamentale.

Il video notizia che tuona con il titolo “LA TERRA E’ PIANA PROVA SCONVOLGENTE E SCHIACCIANTE !!!” spiega con alcune foto della Luna vista dall’Australia e dall’Italia nello stesso orario (ed il fuso orario? altra prova della sfericità del nostro Pianeta) che la Terra è piatta, perché secondo il sedicente scienziato non è possibile vedere il nostro satellite da due punti geografici cosi lontani e opposti nello stesso momento. Altra bocciatura della sua teoria dato che Italia ed Australia non sono geograficamente opposte, basta guardare il globo per rendersene conto.

Ma andiamo ai fatti.

Per chi non lo avesse visto il video è questo e potete credere anche voi ad una storia vecchia di millenni e lontana dalla realtà. Per chi invece scientemente ritiene che la Terra sia “sferica”(in realtà è un geoide) si può ripassare un pò di scienza di base e godersi lo spettacolo del nostro magnifico Pianeta seguendo i link riportati sotto:

https://it.wikipedia.org/wiki/Terra

https://it.wikipedia.org/wiki/Terra_piatta

http://explorer.worldwind.earth/ la Terra in 3D 

https://zoom.earth

https://en.wikipedia.org/wiki/Geography

https://en.wikipedia.org/wiki/Geology

http://www.esa.int/Our_Activities/Observing_the_Earth

https://www.nasa.gov/topics/earth/videos/index.html

 

NON SI PUO’ NEGARE L’EVIDENZA

 

Sperando che sia tutto uno scherzo

Riflettete…sapere è conoscenza.

Annunci

L’Italia sta cadendo a pezzi…

L’Italia sta cadendo a pezzi e nessuno fà o dice niente.

Oggi è crollato un cavalcavia lungo la A14, dove da poche settimane erano cominciati i lavori di manutenzione.

ponte_caduto

A novembre 2016 la stessa cosa era accaduta a Lecco…

ponte_lecco

nel 2014  e nel 2013 in Sicilia altri due esempi, il viadotto Petrulla ed il ponte Verdura

ancora nel 2011 a Calciano un abbassamento del piano stradale del viadotto Basentana

basentana_viadotto

nel 2009 un caso simile sul fiume Pò tra San Rocco al Porto e Piacenza

ponte_sanrocco

Da nord a sud della Penisola non cambia niente, l’inefficienza dello Stato è palese e qui i fatti parlano da soli, non ci sono le chiacchiere politiche ad incantare il popolo come fanno gli incantatori di serpenti con il flauto.

Altro che economia in ripresa, questa è la foto chiara e limpida di un Paese che cade a pezzi, dove i soldi investiti si perdono ingurgitati da quella fangosa macchina burocratica e fraudolenta che è lo Stato in ogni sua forma con tutti coloro che ne prendono parte nella realizzazione dei lavori.

Stanno giocando alla roulette russa con le vite di noi tutti e noi, da bravi schiavi di questo marciume, continuiamo a subire senza far niente di concreto per poter dare una svolta a questa situazione.

Evidentemente ci piace stare in questa Italia così com’è, decadente, ricordandovi che l’ambiente in cui si vive è lo specchio di chi ci vive.

 

Riflettete…sapere è conoscenza.

 

La neve chimica!

Dopo le intense nevicate di questo inizio anno che hanno imbiancato buona parte del centro-sud della nostra penisola, i social hanno iniziato a diffondere un video sulla tossicità della neve divulgato come “a rischio censura”.

Preso dalla solita curiosità lo guardo e quando vedo il risultato dell’esperimento rimango un pò allibito. Mi chiedo se sia possibile che nella neve caduta dal cielo ci sia una quantità cosi elevata di prodotti chimici “pesanti”, perché dalle immagini sembrano residui di materiali ferrosi o simili.

Inoltre mi sono sorti  dei dubbi in merito all’attendibilità del video/esperimento che ci mostra una serie di immagini in sequenza senza far vedere il reale andamento dei fatti e dei materiali usati.

Quindi la domanda da porsi è, come facciamo a sapere che sia tutto vero?

Ecco quali sono i dubbi:

 

Per darmi una risposta non dovevo far altro che replicare l’esperimento, molto facile da fare avendo a disposizione della neve bella fresca. Abitando in una zona montuosa, dove aveva nevicato abbondantemente, mi sono dilettato nel replicare lo stesso esperimento del video “a rischio censura”. Esperimento che chiunque può fare a casa, basta avere della neve, una pentola e del fuoco. Dopo aver messo la neve a sciogliere nella pentola, una volta evaporata tutta l’acqua, rimarranno dei residui (forse) che essendo pesanti e non gassosi potrete vedere depositati sul fondo della pentola stessa.

Nel caso in cui rimangano molti residui c’è da preoccuparsi, perché tutto ciò che cade dalle nuvole come pioggia o neve poi si deposita a terra andando ad alimentare terreni e falde acquifere, senza dimenticare che buona parte di questo materiale lo respiriamo.

Ecco le immagini dell’esperimento condotto in casa:

 

di seguito il video

 

Dopo quanto detto e visto sopra rimane un’altro interrogativo: ma dove vive il tizio che ha condotto l’esperimento pubblicato da attivoTV per avere una neve così tanto inquinata?

 

Riflettete…sapere è conoscenza.

Deflazione e recessione.

In quest’Italia ormai preda delle bufale di ogni tipo non potevano mancare di certo notizie di rilievo nazionale, pubblicate con grande enfasi e diffuse come evento eccezionale, ma che purtroppo di eccezionale non hanno granchè.

E’ stata pubblicata, in questi primi giorni del 2016, da molti quotidiani nazionali e varie testate giornalistiche la notizia che l’Italia è in deflazione e che il fatto non accadeva dal 1959, potete leggerlo nei link sotto:

ilsole24ore 04 gennaio 2017

huffingtonpost 04 gennaio 2017

panorama 04 gennaio 2017

quotidiano.net 4 gennaio 2017

lastampa 04 gennaio 2017

solo per fare alcuni esempi. Tutti gli articoli oltre che a fare di conto con le percentuali mettono in risalto la straordinarietà dell’evento che non capitava da 57 anni.

Poi riflettendo e  facendo ricorso alla mia memoria storica, mi sono ricordato che la stessa notizia l’avevo sentita anche lo scorso anno. E cosi sono andato a verificare cercando nella rete e che cosa ho trovato? Altri articoli che potete leggere sotto

rainews 05 gennaio 2016

forexinfo 2 febbraio 2015

ansa 3 febbraio 2015

economia.leonardo.it 30 agosto 2014

dove la notizia è sempre la stessa ovvero che l’Italia è in deflazione e che non accadeva dal 1959 e ce lo raccontano dal 2014.

I dati ufficiali dell’Istat li potete leggere qui e vedere sotto

deflazione

Come potete dedurre voi stessi il fatto che siamo in deflazione e quindi in piena recessione non è una notizia nuova, purtroppo, ma un trend che si trascina ormai da 3 anni, segno evidente che l’economia del nostro Paese non stà andando affatto bene, come i nostri politici ci vogliono far credere. E con la matematica non si discute.

Riflettete…sapere è conoscenza.

WhatsApp…a volte ritornano.

E’ incredibile quanta poca memoria abbiamo nel ricordare bufale, messaggi ingannevoli, fregature e quant’altro.

WhatsApp è un’applicazione di messaggistica istantanea ormai diffusissima e conosciuta in oltre 180 Paesi che fece la sua prima apparizione nel 2009. Ne è passato di tempo e chissà quanti messaggi sono stati letti e scambiati tra il miliardo di utenti che ormai la utilizzano quotidianamente per ogni tipo di comunicazione.

Ma tra i tanti messaggi che girano c’è n’è uno ricorrente, che ogni volta mette in allarme anche gli utilizzatori più affezionati.

Eccolo qua

whatsapp_fake
FALSO MESSAGGIO WHATSAPP

il messaggio è falso e basta leggerlo per capirlo senza farsi prendere da inutili allarmismi. I direttori non sono Andy e Jonh (quest’ultimo è anche scritto male “John”), dal 19 febbraio 2014 è stata acquisita da Facebook, quindi se proprio volessero far riferimento ad un soggetto dovrebbero nominare Mark Zuckerberg che ne è il proprietario.

Le variazioni dei termini di servizio, compresi eventuali costi, vengono sempre rese note agli utenti con dei messaggi provenienti dall’applicazione stessa e nel dubbio si possono sempre leggere qui nel sito ufficiale di WhatsApp.

Messaggi come questo generano delle inutili e potenzialmente dannose catene di Sant’Antonio che vanno immediatamente interrotte ed eventualemente segnalate alle autotorità.

Riflettete…sapere è conoscenza.

Canone Rai e bolletta elettrica.

Come non soffermarsi anche su questo argomento tanto chiacchierato in rete e condiviso nei vari social.

Quelle che vedete di seguito sono alcune immagini di conti fatti da qualcuno per dimostrare che la tariffa del canone Rai non sia corretta come annunciato dal Governo, bensì incrementata di 22 euro a causa dell’iva andando cosi a pagare 122 euro invece che 100 euro come stabilito dalla legge.

In realtà non è così ed ecco spiegata l’ennesima bufala.

il totale del canone Rai ammonta a 100 euro (70 + 20 + 10) e vengono specificati anche i relativi periodi di riferimento tenendo fede alla normativa che rateizza l’importo totale in micro pagamenti mensili di 10 euro. Ovviamente in questo caso non è stato possibile rateizzare l’importo con tale modalità perché la legge è entrata in vigore a luglio.

Inoltre il canone è esente iva come da DPR 633/72:

“Articolo 10 – Operazioni esenti dall’imposta. In vigore dal 21 agosto 2014 Sono esenti dall’imposta: 1) le prestazioni di servizi concernenti la concessione e la negoziazione di crediti, la gestione degli stessi da parte dei concedenti e le operazioni di finanziamento; l’assunzione di impegni di natura finanziaria, l’assunzione di fideiussioni e di altre garanzie e la gestione di garanzie di crediti da parte dei concedenti; le dilazioni di pagamento…”

Riflettete…sapere è conoscenza.

Conosciamo 5 fatti sconvolgenti.

Ho trovato un altro video su youtube sempre a firma Mr. Amon dal titolo “5 Fatti SCONVOLGENTI che non conosci” con più di 800.000 visualizzazioni. Il primo parla di Hitler e di due eventi particolari della vita del dittatore tedesco.

  • se la Germania avesse vinto la seconda guerra mondiale Monaco sarebbe diventata il fulcro del Nazismo e chiamata “città del movimento

secondo la storia invece la città divenne una roccaforte Nazista una volta che Hitler prese il potere in Germania, nel 1933 e fu indispensabile per l’ascesa del Nazismo, tanto da essere chiamata dai nazisti stessi Hauptstadt der Bewegung (“capitale del movimento“). Il quartier generale del NSDAP fu stabilito a Monaco e costruito, assieme ad altri edifici utili al partito, a Königsplatz; molti di questi edifici sono tuttora esistenti. Nel 1939 Monaco fu teatro del fallimento di Georg Elser nel tentativo di assassinare Hitler mentre arringava la folla col suo discorso annuale per commemorare il Putsch della birreria nel Bürgerbräukeller. Monaco fu inoltre la città dove nacque la “Rosa Bianca” (in tedesco Die Weiße Rose), formata da un gruppo di studenti che si costituirono in un movimento di resistenza al Nazismo dal giugno 1942 al febbraio 1943, quando il nucleo del gruppo venne arrestato ed ucciso dopo la distribuzione di volantini all’Università di Monaco da parte di Hans e Sophie Scholl. Monaco di Baviera fu molto danneggiata dai bombardamenti alleati durante la seconda guerra mondiale. La città venne occupata dalle truppe americane della 7ª Armata del generale Alexander Patch il 2 maggio 1945. Dopo la guerra Monaco fu in gran parte ricostruita con un meticoloso lavoro tendente a restituire la stessa fisionomia a strade e palazzi rispetto alla situazione pre-bellica. (wikipedia)

Al contrario fu Berlino che venne individuata come nuova capitale della Germania, dove Hitler con l’aiuto dell’architetto Albert Speer, progettò di realizzare magnificenti strutture, molte delle quali non videro mai la luce.

  • se venissimo risucchiati in un buco nero…fino a raggiungere l’orizzonte degli eventi dove verremmo bruciati

qui l’argomento è sicuramente molto più complicato di come venga semplicisticamente enunciato nel video. Di certo c’è che non si verrebbe bruciati poiché sembra che la temperatura dell’orizzonte sia talmente alta da non poter essere misurabile, quindi il nostro corpo nella migliore delle ipotesi evaporerebbe all’istante. Se volete approfondire l’argomento potete leggere il buco nero e l’orizzonte degli eventi che non sono argomenti sconosciuti, ma sicuramente di difficile comprensione per i non addetti ai lavori.

  • se tutti i ghiacciai del mondo si sciogliessero città come Londra, Berlino e San Pietroburgo sarebbero sommerse dalle acque

se succedesse un evento del genere quelle città come tante altre situate lungo la costa potrebbero fare la stessa fine, sempre secondo alcune teorie basate su dati che in futuro potrebbero cambiare sia in meglio che in peggio, questo dipende da noi. Anche questa notizia si conosce ormai da decenni.

  • se Saturno si avvicinasse alla Terra si verificherebbe uno scenario apocalittico…

perché Saturno e non Giove? Eventi catastrofici planetari potrebbero verificarsi anche con altri pianeti come descritto in questo articolo.

  • se il Sole si spegnesse…

secondo gli scienziati accadranno degli eventi che non sono coerenti con quanto scritto nel video come si evince da questo:”Incerto è invece il destino della Terra: alcuni astronomi ritengono che anche il nostro pianeta verrà inglobato dalla stella morente;[69] altri invece ipotizzano che il pianeta si salverà, poiché la perdita di massa da parte della nostra stella farebbe allargare la sua orbita, che slitterebbe di conseguenza sino a quasi 1,7 UA.[69] Il nostro pianeta sarà però inabitabile: gli oceani saranno evaporati a causa del forte calore e gran parte dell’atmosfera verrà dispersa nello spazio dall’intensa energia termica, che incrementerà l’energia cinetica delle molecole del gas atmosferico consentendo loro di vincere l’attrazione gravitazionale del nostro pianeta.”(wikipedia)

Questi fatti sono sicuramente sconvolgenti a parlarne, ma non altrettanto sconosciuti vista la documentazione che anche in questo caso si può trovare in rete.

Riflettete…sapere è conoscenza.

La censura…italiana.

Che parola la censura, un termine che con l’avvento dei social e negli ultimi anni viene spesso utilizzato, in molti casi anche a sproposito. Per censura si intende il controllo e la limitazione della comunicazione e di varie forme di libertà di espressione, di pensiero, di parola da parte di una autorità (approfondimenti). E facendo un giro su internet si trovano frequentemente dei video che riportano varie ed attraenti diciture come: video censurato dal Governo, luoghi censurati, video censurato dalle tv, ecc.

Andiamo con ordine ad analizzare gli esempi.

  1. video censurato dal Governo. Il Governo è definito come l’insieme dei soggetti che in uno stato detengono il potere politico. Con tale potere i politici, se volessero, potrebbero censurare veramente i video, sia che essi siano una minaccia per loro stessi od una miccia per accendere il dissenso del popolo, facendoli letteralmente sparire sia dai normali canali di informazione che dal web. Invece di video censurati dal Governo se ne trovano molti. Come per esempio questo che riporta la dicitura “Documentario – (Censurata Gov Berlusconi) – I Rapporti Segreti Tra America E Italia.” vecchio di cinque anni e persino trasmesso da Rai Tre, come potete leggere nel video in basso a destra. Oppure questo che dice “Meloni: Censurata dal Governo per le mie idee sull’immigrazione. Surreale, nemmeno nelle dittature” postato un anno fà. Un altro esempio è questo che dice: “Governo va sotto su emendamento. Censura la Tv del Senato. (Video Pirata)”, dal video non si capisce niente, nè cosa abbiano votato nè chi abbia festeggiato. Chiudo con questo che è un mix fantastico, il titolo “La nuova DROGA Che il Governo Renzi ti Censura” che nuovamente richiama al controllo dei media da parte del Governo ed un video che, oltre ad essere stato trasmesso dal TG regionale del Piemonte (quindi pubblico) narra di una nuova droga il THC, che per chi non lo sapesse è il principio attivo della cannabis, che non è sicuramente una novità.
  2. luoghi censurati. Qui mi soffermo sul primo video che ho trovato, perché ha più di un milione di visualizzazioni ed è stato postato da un canale youtube molto frequentato di un fantomatico Mr. Amon (che non si sa chi sia). Il video si intitola cosi “5 LUOGHI CENSURATI SU GOOGLE MAPS” e mi sono divertito a fare una piccola ricerca. Il Tantauco National Park (si trova meglio cercando tantauco park) è cosi misterioso e nascosto che lo potete trovare su wikipedia, su tripadvisor, un’agenzia di viaggi che si chiama gotolatin travel ed in molti altri posti compreso google maps e bing maps. Il Baker Lake in Canada, dove sembra che sia stata oscurata una parte di territorio per via di strani avvistamenti U.F.O., guardate sotto e trovatela se ci riuscite

    La Tundra Siberiana, scrive il misterioso Mr. Amon, sembra essere stata privata di un pezzo di territorio,  oscurato da qualcuno per motivi sconosciuti. Ho passato più di un’ora a guardare il territorio siberiano sulle mappe online e di questa macchia marrone, come presentata nel fotogramma del video, non vi è alcuna traccia. Ramstein Air Base, in Germania, è una base aerea militare talmente segreta che se ne trovano sia le coordinate geografiche e quindi la mappa

    https://www.bing.com/maps/embed/viewer.aspx?v=3&cp=49.447348~7.580072&lvl=14&w=500&h=400&sty=h&typ=d&pp=&ps=&dir=0&mkt=it-it&src=SHELL&form=BMEMJS

    che una sua descrizione su wikipedia. Ultimo esempio di segretezza riportato nel video è il famoso HAARP, che è l’acronimo di High Frequency Active Auroral Research Program, situato in Alaska e visibile nella mappa anche questo

    https://www.bing.com/maps/embed/viewer.aspx?v=3&cp=62.394841~-145.141216&lvl=14&w=500&h=400&sty=h&typ=d&pp=&ps=&dir=0&mkt=it-it&src=SHELL&form=BMEMJS

  3. video censurati dalle Tv. Su youtube ho trovato questo video pubblicato il 13 ottobre 2013 che nella descrizione dell’autore riporta quanto segue:”Video documentario che contiene spezzoni di denuncia che sono andati in onda solo una volta in tv, e poi CENSURATI…”. Il video innanzitutto non è un documentario, ma una serie di spezzoni presi da varie trasmissioni televisive e montati insieme  per creare audience e direi che l’autore ci è riuscito visto che ha avuto più di seicentomila visualizzazioni. Dopo accurate ricerche ho trovato che buona parte del video è stato preso dalla puntata del 26 ottobre 2012 della trasmissione Ultimaparola, in onda su Rai Due, dal titolo “Leader in fuga”. Altro è stato preso da un intervento fatto dall’europarlamentare inglese Nigel Farage, sostenitore della Brexit, in un discorso fatto il 16 novembre 2011 all’Europarlamento, dove accusava l’Europa di aver costretto gli Stati come Italia, Grecia e Spagna a sostituire i governi regolarmente eletti con dei primi ministri “fantoccio”.

Concludendo, da questi esempi, si può facilmente capire come la censura non sia parte del nostro sistema, cosi come molti vogliano far credere. Con un pò di pazienza si possono trovare e confrontare notizie e capire dove sia obiettivamente il punto di vista corretto per trarne le giuste conclusioni. La vera censura si trova altrove, in quei Paesi dove le notizie vengono filtrate o persino oscurate, rendendole inaccessibili da qualsiasi mezzo di comunicazione compreso internet.

Riflettete…sapere è conoscenza.

Terremoto di Amatrice, un complotto?

Il mio primo articolo prende spunto da un altro articolo che è stato portato alla mia attenzione i primi di novembre, successivamente agli eventi sismici che si sono succeduti nel centro Italia. L’articolo in questione è il seguente: I terremoti si possono provocare, Nikola Tesla ci spiega come, dove viene enunciata la “teoria della telegeodinamica” di Nikola Tesla. Secondo alcuni i terremoti in generale e quello di Amatrice, in questo caso, possono essere causati con l’utilizzo delle onde elettromagnetiche e dell’energia nucleare, partendo dai concetti teorizzati da Tesla. L’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) sostiene che alcuni terremoti possono essere indotti da certi tipi di attività umana, ma non da quella nucleare, come potete leggere qui. Una ricerca pubblicata su Science nel 2013 spiega come i terremoti siano anche una conseguenza dell’utilizzo della geotermia e del fracking come spiegato in questo articolo di wired e della loro propagazione nelle varie zone geografiche del globo. La mia domanda e dubbio sugli eventi sismici avvenuti nel centro Italia alla fine di ottobre è: “Chi mai avrebbe interesse a causare un terremoto ad Amatrice, un piccolo comune di 2,646 abitanti nel centro Italia? Quale Stato spenderebbe chissà quanto denaro per causare un terremoto nel centro Italia e perché?”. Personalmente non ne vedo la logica, quella logica complottista che molti hanno tirato in causa. Ma il dubbio più grande mi è sorto leggendo l’articolo che ho citato all’inizio, quando ad un certo punto della spiegazione sulla teoria di quanto accaduto si vede una foto satellitare dell’Italia coperta da delle strane formazioni nuvolose e sotto c’è una nota relativa alla foto citata. Se guardate bene nel dettaglio che trovate sotto,

terremoto_amatrice_tesla

 

estratto sempre dal medesimo articolo noterete un piccolo ma significativo errore, la data stampata nella foto (10 febbraio 2015) e quella riferita al giorno del terremoto di Amatrice (23 agosto 2016) non coincidono, la prima è più vecchia di un anno. Quindi si può facilmente dedurre che quel giorno non c’era nessuna strana formazione nuvolosa nel centro Italia e non è un’opinione personale, ma una semplice analisi di quanto letto. Inoltre i terremoti esistono da prima che l’uomo mettesse piede su questo Pianeta, quando non c’era nessuna influenza di chissà quale entità e nello specifico la sismicità del nostro Paese è nota da tempo. Potete trovare una classificazione sismica qui e la definizione delle zone sismiche qui e se volete andare indietro nel tempo, a qualche milione di anni fà, e capire perché i nostri Appennini sono soggetti a movimenti basta dare uno sguardo alla loro geologia.

Riflettete…sapere è conoscenza.